Sanremo, i look della prima serata

Di cosa si parla il giorno dopo della prima sera del Festival? Ma di abiti ovviamente!

Io non capisco come alcune tra cantanti e ospiti si possano lasciar sfuggire un’occasione del genere, in cui si è autorizzate, anzi si deve, indossare un abito vero, serio. Io, in mancanza di sponsor adeguati, me lo comprerei con i miei soldi, venderei i mobili di casa piuttosto.

Prima serata con pochi esempi degni di nota, forse anche per la mancanza di vallette che cambiano abiti ogni due canzoni. Peccato.

La padrona di casa, sua maestà Maria De Filippi, però non ci ha delusi, con la maestria e la padronanza che la contraddistingue ha trasformato San Remo in casa sua, sedendosi anche sui grandini, e Carlo Conti in un aiutante (un postino di c’è posta per te? una valletta?) risultando anche elegante. Il primo abito di Givenchy di Riccardo Tisci era stupendo e le stava bene, la foto non rende giustizia ai dettagli, dai ricami allo sbirluccichio, adeguato alla serata senza essere invadente. Il secondo per quanto bello, su di lei l’ho preferito meno.

Giusy Ferrero la salto e passo direttamente ad Elodie, bellissima e talentuosa nonostante un abito Etro, più adatto ad una serata estiva che al palco dell’Ariston, e una canzone di Emma Marrone. Entrambe le cose non l’hanno valorizzata.

L’idolo delle giovanissime Lodovica Comello indossa un originale abito Vivetta che su di lei però fa storcere il naso. La verve da personaggio secondario Disney e il boccolo da prima comunione forse non hanno aiutato.

Fiorella Mannoia è apparsa sicura, professionale ma comunque capace di emozionare. Il look Antonio Grimaldi le si addiceva perfettamente.

L’ospite Tiziano Ferro ha regalato i momenti più belli e intensi della serata, come il duetto con Carmen Consoli. Che perfezione la loro esibizione! Nonostante l’outfit di lei (abito di Philosophy Lorenzo Serafini), poco valorizzante e ancor più penalizzante sul retro da cui si vedeva chiaramente un non adatto intimo nero.

Paola Cortellesi dimostra ancora una volta di saper fare tutto: far ridere, cantare  e vestirsi bene. Perfetta in un asciutto Giorgio Armani, col suo fisico avrebbe anche potuto osare di più, ma come ospite più che promossa.

A volte la bellezza non basta, noiosa e pretenziosa Rocio Munez Morales in Francesco Scognamiglio. Così come il siparietto con il compagno Roul Bova.

Quando hai un fisico come Diletta Leotta è difficile stare male e infatti lei “riempe” questo Alberta Ferretti più che dignitosamente. Io non avrei forse scelto un abito a due pezzi con pancia scoperta ma comunque molto bella. Alla faccia di una certa soubrette che non voglio neanche nominare che, forse per invidia o alla ricerca di un briciolo di visibilità, ha fatto un orrendo paragone tra la violazione di privacy,, con annesso cyberbullismo, di cui Diletta è stata vittima e lo spacco esibito sul palco.

Gli uomini si sono divisi in noiosi e “matrimonio alla Sonrisa”. L’unico degno di nota Ermal Meta in Jhon Varvatos, informale ma non sciatto e in linea con la sua personalità. Unico appunto: ce lo vogliamo togliere quel piercing al sopracciglio, fuori moda almeno di 15 anni?

Spero che si vada migliorando…

Annunci

Giallo su rosso

E’ da tempo che volevo scrivere un post sugli abiti da red carpet gialli, perchè alcuni dei più bei look indossati dalle star negli ultimi anni sono stati proprio di questo colore. Nella vita di tutti giorni il giallo non è proprio un colore facile da indossare, nel mio armadio credo di non avere neanche un capo giallo adesso che ci penso. Ultimamente è quasi una persecuzione: giallo è l’abito di Emma Stone in una famosa scena di La la land e giallo è anche il celeberrimo abito di Belle della Bella e la Bestia della Disney, ripreso anche nel film a breve in uscita.

Emma Watson in la Bella e la Bestia

E allora ecco una carrellata di star che in giallo hanno fatto la loro figura.

La mia preferita in assoluto è Michelle Williams in un Vera Wang in chiffon plissettato stile anni 30, agli Oscar del 2006 (sono già passati 11 anni?).

Immagine correlata

Bellissima anche Emma Stone in Atelier Versace alla premier di Spiderman. Anche in questo caso un abito dal sapore retrò, plissettato, impreziosito sa cristalli e dal retro sensuale.

 

Immagine correlata

Risultati immagini per emma stone giallo

Curiosità: pare sia stato proprio questo vestito ad ispirare il modello dello stesso colore in La la land.

Risultati immagini per lalaland giallo

E a Emma deve piacere proprio tanto questo colore, l’ha scelto anche per imprimere le sue mani e i suoi piedi insieme al collega Ryan Gosling al Chinese Theatre, in un abito Rochas.

Emma Stone

Altro bellissimo esempio, che conferma l’accoppiata vincente colore giallo e plissè, quello indossato da Lea Sydoux ai Bafta del 2015, di Prada.

Immagine correlata

Indubbiamente il tessuto che meglio si abbina al giallo è lo chiffon, almeno a giudicare dai modelli più sfruttati sul tappeto rosso.

Indimenticabile l’abito a colonna di Renne Zellweger agli Oscar 2001, un meraviglioso Jean Dessès vintage.

Oppure, più recentemente, quello sfoggiato dalla signora Clooney a Cannes di Atelier Versace.

Immagine correlata

Ma non sono le uniche! Gli esempi di leggero chiffon giallo sono infiniti.

Risultati immagini per abito giallo red carpet

Risultati immagini per abito giallo red carpet

Risultati immagini per abito giallo red carpet

Ma bisogna ammettere che anche con modelli più strutturati, il giallo non sfigura per niente.

Ecco adesso voglio un vestito giallo anch’io.

Risultati immagini per abito giallo red carpet

Immagine correlata

Ma la regina inarrivabile del giallo canarino per me rimane sempre lei:

SAG 2017

Festa, è tornato il sito Red Cartpet Fashion Awards! Io adoro questo sito perchè riporta tutti i look principalmente dai red carpet con l’immagine dell’abito dalle sfilate. Penso che lo conosciate tutte è inutile aggiungere altro.

Ci sono stati i SAG awards e ho trovato il red carpet un po’ deludente…

Nicole Kidman ha attirato l’attenzione e i commenti in un  eccentrico abito Gucci.

Proprio ieri la Barbarona D’Urso era in collegamento con una sobria Gina Lollobrigida agghindata così:

Trova le differenze

Scusate sono stupida e rido da stamattina…

 

Sofia Vergara ha rinunciato all’effetto cotechino+trasparenze+luccichii e stupisce con un abito un po’ fuori dai suoi schemi.

Anche Emma Stone punta all’effetto sorpresa con un abito audace di Alexander McQueen, dall’effetto vedo/non vedo, meno bambolina del solito.

Salma Hayek sfoggia un Gucci monospalla con una balza e un fiore finto che mi inquietano non poco, a metà tra lo spagnoleggiante e un arredo da negozio cinese.

Mi pare di capire che queste applicazioni floreali oversize vadano alla grande. Io le odio, mi sembrano sempre un di più non necessario.

Kate Hudson in Christian Dior

Natalie Portman continua a sfoggiare imponenti look premaman, non passando certo inosservata.

Per il resto tutto abbastanza noioso…

Anche Amy Adams e Michelle Williams, sempre tra le mie preferite, non mi fanno sospirare, seppur non si possa dire che stiano male.

Michelle Williams in Louis Vuitton

Noiosissima Evan Rachel Wood che continua a vestirsi da ometto, in Altuzarra.

Meryl Streep osa un Valentino che non la valorizza per niente.

Belle Kaley Cuoco in Marchesa e Emily Blunt in Roberto Cavalli, ma un po’ troppo monocromatiche, capelli-pelle-abito si perdono tra loro.

Bello questo Valentino ma ormai è un modello visto mille volte.

Ma quanto mi piace fare questi commenti da vecchia sciura dal parrucchiere? Al prossimo acido red carpet!

Vanity Fair Hollywood issue

Anche quest’anno è uscito il numero di Vanity Fair con la copertina dedicata ad Hollywood realizzata dalla fotografa Annie Leibovitz. Meravigliosa! La prima di queste copertine è stata realizzata nel 1995 e negli anni si sono alternati stili diversi, a volte super eleganti con abiti haute couture, altri casual. Io ovviamente preferisco quelle super patinate! Di seguito le mie preferite.

La prima del 1995, stile asciutto in pieno clima anni ’90

Questa la trovo pazzesca, anni ’50 dai colori pastello! Amy Adams meravigliosa come sempre

Le mie preferite sono senza dubbio quelle in stile vintage, che eleganza!

Anche le foto singole sono molto belle, io ho un debole per le rosse quindi le mie preferite sono Emma Stone e Amy Adams.

L’haute couture vista da un’outsider

Molte delle ragazze che seguo sui social lavorano nella moda, la seguono dall’interno,  io invece mi limito ad osservarla da fuori, da lontano, con l’occhio sognante della bambina che guarda qualcosa di irraggiungibile, con le mani e il naso appiccicati alla vetrina del negozio di giocattoli.

Quindi eccomi ad ammirare a bocca aperte le sfilate parigine, tra ricami, tulle, lustrini.

Qui i miei abiti preferiti.

Armani
Dior
Dior
Dior
Dior

 

Giambattista Valli

 

Giambattista Valli
Chanel
Chanel
Valentino
Valentino
Valentino
Elie Saab
Elie Saab
Elie Saab
Elie Saab
Alberta Ferretti
Givenchy

 

I miei modesti commenti:

  • colori top il rosa cipria e il nero (inutile dire che amo tantissimo entrambi)
  • noto un gran ritorno delle rouches e delle balze (che stiamo lentamente tornando gli anni 80?)
  • Maria Grazia Chiuri per Dior pazzesca
  • vedo sempre più rimandi all’est (Russia, Paesi Arabi), probabilmente perchè è lì che troveranno una casetta queste creazioni
  • gli Oscar sono vicini, star e starlette avranno l’imbarazzo della scelta

Red Carpet Golden Globe 2017

Mi avevano detto che i miei post sui look da red carpet erano un inutile duplicato di blog più famosi, io inoltre avevo perso un po’ di entusiasmo e i social avevano reso i commenti a caldo più veloci ed immediati. Ma una cosa mi ha fatto capire che era giunto il momento di tornare. Questa “cosa” è stata la presenza al party dei Golden Globes della coppia più chiacchierata del momento, che ci incuriosisce, a volte ci fa dubitare ma che allo fine non possiamo far a meno di seguire: Chiarona Ferragni e Fedez. Questa volta si sono superati e ci hanno “fatto entrare”, attraverso le loro Instagram Stories, addirittura alla festa dei Golden Globes. L’ho preso come un segno, è ora di tornare a scrivere due commenti…

Risultati immagini per chiara ferragni golden globes 2017
Chiara Ferragni fata turchina in Ermanno Scervino, purtroppo nessuno ha fotografato Fedez versione testimone di nozze.

Voglio cominciare positiva, con i look che mi sono piaciuti.

LE BELLISSIME

Non sono l’unica a dirlo, lo so, ma è un dato di fatto: la più bella, la più appropriata è sempre lei Emma Stone. Cosa le si può dire, se non che è, ancora una volta, fastidiosamente perfetta.

Emma Stone in Valentino

Inaspettato invece, almeno per me, l’abito di Drew Berrymor, non banale ma raffinato. Mi piacciono anche capelli e trucco, grazie Drew per dimostrarci che si può essere belle senza esagerare.

Drew Barrymore in Monique Lhuillier

LE BELLE

Non so chi sia questa sotto ma trovo il look, nel complesso, molto interessante.

RUTH NEGGA in Louis Vuitton

L’abito di Michelle questa volta non mi fa impazzire ma, guardatela, non è un amore?

Michelle-Williams—Louis-Vuitton

Forse sono troppo buona, forse sono di parte perchè adoro Elie Saab ma a me questo look della Biel non dispiace. Plataeu a parte.

JESSICA BIEL in Elie Saab

Forse un po’ scollacciata ma comunque adorabile.

jessica chastain golden globes 2017 red carpet 023839110

Jessica Chastain in Prada

Categoria Teen, o addirittura pre-teen, la protagonista di Stranger Things sfoggia un look tutto sommato appropriato per l’età. Per quanto possa essere appropriato un look da red carpet nella prepubertà. Odiose invece le faccette da diva.

millie bobby brown blows kisses gg awards 013838943

Millie Bobby Brown in Jenny Packham

CHE NOIA!

Basta belle parole, che non tutto è oro quel che luccica, neanche, e soprattutto, se ricoperto di pallettes!

Credevi di essere originale vestita da uomo? Non so come dirtelo cara, no!

Evan Rachel Wood in Altuzarra

Non sempre un bell’abito fa un look riuscito. Sto già sbadigliando…

Mandy Moore in Naeem Khan

Amy ma cosa mi combini? Sono delusa, ma ci deve essere una spiegazione, forse stavi poco bene?

Amy Adams

Non si può certo dire che non sia coerente, Sofia non molla un colpo e si veste dalla solita se stessa. O da JLo. Forse hanno lo stesso guardaroba.

SOFIA VERGARA in Zuhair Murad

Sienna sul serio? Le perle? La coda?

Sienna Miller in Michael Kors

CHE PAURA!

Qui si va peggiorando, vi avviso.

I casi sono due: o Natalie è rimasta troppo nel personaggio di Jacqueline Kennedy oppure ha dimenticato la sua vera età. In ogni caso, ti prego Natalie, torna in te!

Natalie Portman in Prada

Io ho solo una domanda: perchè?

Nicole Kidman in Alexander McQueen

Winona tesoro cosa succede? Sei ancora nel mood “madre psicopatica disperata” di Stranger Things?

winona caitriona connie timeless at golden globes 013839433

Winona Ryder

Sarah voleva fare un omaggio a Carrie Fisher. Siamo sicuri che volesse essere un omaggio?

sarah jessica parker golden globes 2017 053839244
Sarah Jessica Parker

Sono indecisa se sia più inguardabile il look di Keri (che per me rimarrà sempre la splendida Felicity) oppure la tinta dei capelli di suo marito (che per me rimarrà sempre uno dei fratelli di Brothers and sisters).

keri russell matthew rhys 2017 golden globes 013839374

Keri Russell

Questi per me sono stati i look, nel bene e nel malissimo, degni di nota. Vorrei però aggiungere una nota su due colori che sono stati usati molto e che io adoro nelle occasioni eleganti: il giallo e il rosa. Meno banali del nero e del rosso, meno pericolosi del bianco “effetto sposa”, questi colori riescono ad risultare sempre originali senza essere “chiassosi”.

Lily Collins in  Zuhair Murad, personalmente trovo le rose del pizzo troppo grandi
KERRY WASHINGTON, questa lunghezza mi lascia sempre un po’ perplessa sul red carpet
ZOE SALDANA in Gucci, nel complesso non è male
FELICITY JONES in Gucci, è stata molto criticata ma a me piace
Emily Ratajkowski, più vestita del solito, forse meglio nuda.
Maisie Williams, lo so è difficile essere basse, ma lo chignon alto non fa miracoli
Carrie Underwood in Iris Serban, che bel rosa cipria!
Questo è tutto per questa volta, aspetto i vostri commenti!

mixin’

Iniziamo il 2017 con un inaspettato ritorno della rubrica mixin’…

Una delle foto più condivise del 2017 è la copertina di Glamour con le protagoniste di Girls vestite Marc Jacobs. La foto appare abbastanza patinata e ritoccata a parte per un “piccolo” particolare: la cellulite di Lena. Solo a me sembra la solita ruffianata sull’accettazione dei difetti? Non è un servizio totalmente “al naturale” e nessuna a parte lei ha le imperfezioni in vista, quindi quale sarebbe il punto? Lena è quella geniale e non deve per forza apparire perfetta? O forse l’esibizione morbosa del suo corpo nudo è il suo marchio di fabbrica e non può quindi apparire su una copertina vestita e ritoccata “normalmente”? Ad ogni modo bel lavoro Glamour, tutti parlano della copertina e bel lavoro anche Lena che riesce ad attirare ancora una volta l’attenzione. Le foto comunque sono belle, il vestito di Allison carinissimo e i capelli di Jemima pazzeschi.

P.S.: il titolo del servizio rimanda comunque solo all’aspetto esteriore, non certo allo spessore intellettuale o alle idee delle donne…

Risultati immagini per glamour girls lena dunham

Ho cominciato il nuovo anno con un personale revival anni ’90.

Per prima cosa ho deciso di recuperare Friends, che non ho mai visto seriamente dall’inizio alla fine, così guardo qualche  puntata a tempo perso (grazie Netflix).

Poi ho visto finalmente Before sunrise, film del 1995, che non avevo mai visto anche se ne avevo spesso sentito parlare. Intanto che mi apprestavo a guardarlo ho letto la pagina wikipedia e, accidenti, ho scoperto che fa parte di una trilogia di film girati a 9 anni di distanza l’uno dall’altro e, che ve lo dico a fare, ho DOVUTO guardarli tutti e tre. Di seguito. In una giornata. Il valore della trilogia è a mio avviso superiore della somma dei film presi singolarmente perché si fanno da specchio l’un l’altro amplificandone le caratteristiche. Il racconto di come si vive l’amore nelle diversi fasi della vita, a venti, a trenta e a quarant’anni, è messo in scena in modo incantevole, oltre che dai dialoghi, anche e soprattutto dal viso e dalle espressioni degli attori segnati e mutati dal tempo. Mi hanno ipnotizzata.

Capisco però anche i fan del primo capitolo che non vogliono rovinarsi il bel ricordo che ne hanno guardando il seguito, lasciandolo lì nella memoria proprio come un’avventura amorosa giovanile.

Risultati immagini per before the sunrise

Per finire il momento amarcord mi sono imbattutta nelle, ormai tradizionali, repliche di Fantaghirò e, dopo che qualcuna l’aveva nomintata su Snapchat, in alcuni spezzoni online di Non è la Rai.

Cosa ho dedotto da questo tuffo negli anni ’90? Che si truccavano da Dio! Inutile specificare che il ritorno nella moda degli ultimi tempi di molti elementi anni ’90, vedi mom jeans, ce li fa apparire più vicini ai nostri gusti rispetto a qualche anno fa. I primi anni 2000 infatti con i loro glitter, il post spice girls, gli ombretti perlati, i gloss, le vite ultra basse di Britney Spears, le frange di Shakira ci avevano un po’ accecati facendoci apparire i sobri e minimali look anni ’90 quasi scialbi, insignificanti ed eccessivamente seriosi. Oggi invece, almeno per me, i look anni ’90 e soprattutto il make up mi sembrano attualissimi. Senza brillantini, ombretti solo in colori naturali e opachi, rossetti matte dai colori tendenti al mattone e soprattutto incarnato pre boom delle lampade abbronzanti (grazie Paris Hilton). Solo una cosa non è tornata di moda: la frangiona bombata. Ce la dobbiamo aspettare?

This slip dress over a long-sleeved shirt - Cosmopolitan.com More:

DEADDSOULS: 90s style icons:
Rachel anni ’90
Risultati immagini per non è la rai ambra
Mom jeans + cinturoni + crop top
Risultati immagini per non è la rai vestiti
Vestitini e frangioni coordinati
Risultati immagini per fantaghirò
Trucco anni ’90 di Fantaghirò

 

E poi arrivarono i 2000…

Risultati immagini per britney early 2000 make up
L’eleganza e la sobrietà
Risultati immagini per make up early 2000
Chi meglio di lei può spiegare il concetto…

 

Cercando su Google le immagini per questo post mi sono imbattuta in cose che avevo, a ragione, rimosso, no ma belli gli early 2000…

Non so se aver cominciato l’anno con un revival anni ’90 sia sintomatico di qualcosa che il mio inconscio mi vuole comunicare e non so neanche se ricomincerò a scrivere con regolarità. Intanto BUON ANNO!