Sanremo, i look della prima serata

Di cosa si parla il giorno dopo della prima sera del Festival? Ma di abiti ovviamente!

Io non capisco come alcune tra cantanti e ospiti si possano lasciar sfuggire un’occasione del genere, in cui si è autorizzate, anzi si deve, indossare un abito vero, serio. Io, in mancanza di sponsor adeguati, me lo comprerei con i miei soldi, venderei i mobili di casa piuttosto.

Prima serata con pochi esempi degni di nota, forse anche per la mancanza di vallette che cambiano abiti ogni due canzoni. Peccato.

La padrona di casa, sua maestà Maria De Filippi, però non ci ha delusi, con la maestria e la padronanza che la contraddistingue ha trasformato San Remo in casa sua, sedendosi anche sui grandini, e Carlo Conti in un aiutante (un postino di c’è posta per te? una valletta?) risultando anche elegante. Il primo abito di Givenchy di Riccardo Tisci era stupendo e le stava bene, la foto non rende giustizia ai dettagli, dai ricami allo sbirluccichio, adeguato alla serata senza essere invadente. Il secondo per quanto bello, su di lei l’ho preferito meno.

Giusy Ferrero la salto e passo direttamente ad Elodie, bellissima e talentuosa nonostante un abito Etro, più adatto ad una serata estiva che al palco dell’Ariston, e una canzone di Emma Marrone. Entrambe le cose non l’hanno valorizzata.

L’idolo delle giovanissime Lodovica Comello indossa un originale abito Vivetta che su di lei però fa storcere il naso. La verve da personaggio secondario Disney e il boccolo da prima comunione forse non hanno aiutato.

Fiorella Mannoia è apparsa sicura, professionale ma comunque capace di emozionare. Il look Antonio Grimaldi le si addiceva perfettamente.

L’ospite Tiziano Ferro ha regalato i momenti più belli e intensi della serata, come il duetto con Carmen Consoli. Che perfezione la loro esibizione! Nonostante l’outfit di lei (abito di Philosophy Lorenzo Serafini), poco valorizzante e ancor più penalizzante sul retro da cui si vedeva chiaramente un non adatto intimo nero.

Paola Cortellesi dimostra ancora una volta di saper fare tutto: far ridere, cantare  e vestirsi bene. Perfetta in un asciutto Giorgio Armani, col suo fisico avrebbe anche potuto osare di più, ma come ospite più che promossa.

A volte la bellezza non basta, noiosa e pretenziosa Rocio Munez Morales in Francesco Scognamiglio. Così come il siparietto con il compagno Roul Bova.

Quando hai un fisico come Diletta Leotta è difficile stare male e infatti lei “riempe” questo Alberta Ferretti più che dignitosamente. Io non avrei forse scelto un abito a due pezzi con pancia scoperta ma comunque molto bella. Alla faccia di una certa soubrette che non voglio neanche nominare che, forse per invidia o alla ricerca di un briciolo di visibilità, ha fatto un orrendo paragone tra la violazione di privacy,, con annesso cyberbullismo, di cui Diletta è stata vittima e lo spacco esibito sul palco.

Gli uomini si sono divisi in noiosi e “matrimonio alla Sonrisa”. L’unico degno di nota Ermal Meta in Jhon Varvatos, informale ma non sciatto e in linea con la sua personalità. Unico appunto: ce lo vogliamo togliere quel piercing al sopracciglio, fuori moda almeno di 15 anni?

Spero che si vada migliorando…